Inaugurazione mostra "Istantanee" di Silvia Struglia

  • AntiCafé Roma 4 Via Veio Roma, Lazio, 00183 Italy

Immortalare il movimento in un’immagine,raccontare una coreografia componendo con rapidi gesti di colore.

‘’Istantanee ‘’ nasce dall’intento di ridurre la distanza tra percezione e rappresentazione di un evento, di approssimare, quanto più possibile, l’impronta su carta all’immediato impulso sentito.

L’idea è quella di creare un canale diretto tra l’esperienza visiva e quella creativa, come se un unico flusso di energia precipitasse dagli occhi alla pancia alle mani, in maniera pressoché simultanea all’evolversi dell’  “evento‘’ contemplato.

Quello che doveva essere una sorta di ‘’esercizio’’ di sintesi è diventato qualcosa di più importante per me.

I quadri sono governati dall’istinto, ma da un istinto consapevole, che mira a qualcosa di compiuto.

L’obiettivo ultimo, difatti, è un’immagine complessiva, che, a ‘’colpo d’occhio’’, restituisca quel processo, nei suoi ritmi, trame, dinamismi, gerarchie.

Le emozioni stesse, le forze ricevute e ‘’capite’’ sono, così, bloccate, fissate in macchie di colore fisiche, concrete, veloci ed immobili.

Il risultato auspicato è l’istantanea di un movimento, quasi di una storia.

Le opere sono state realizzate in acrilico su carta, mentre osservavo dei balletti di danza moderna, tribale o flamenca. Per comporle sono stati appositamente impiegati pochissimi minuti, al fine di tutelare e non contaminare le primissime impressioni.

Dedico questa piccola esposizione personale alla mia amica Elisa e alla pienezza di ogni istante.


Mi chiamo Silvia Struglia, sono nata a Roma, il 6 aprile del 1990.
Frequento il liceo scientifico e, una volta diplomata, mi iscrivo alla Facoltà di Ingegneria edile – Architettura in cui mi sono laureata, convinta della giusta fusione dei due campi professionali che danno nome il corso di studi.
Durante la magistrale, nel 2013, parto per un erasmus di dieci mesi che mi conduce alla Scuola Politecnica San Pablo CEU di Madrid. Qui scelgo di seguire le lezioni di un corso intitolato Analysis de Formas, tenuto dagli architetti Begona Lopez Rodriguez e Daniel Horcajada Diaz.
Grazie a loro, scopro la bellezza e la potenza espressiva della pittura, soprattutto su grandi formati, praticando esercizi improntati a sviluppare capacità di sintesi, sensibilità alla luce, ai contrasti, agli equilibri, alle gerarchie, effettuati in pochissimi minuti.
Non si insegnava alcuna tecnica, l’importante era che ci fosse ‘’ intenzione’’, come continuamente ci esortavano a ricordare.
Quest’esperienza, una tra le più belle della mia vita, risveglia ed accresce un passione per il disegno che da sempre ho coltivato nel mio ( anche se, fino ad allora, solamente con grafite o bic nera ) e mi spinge a pensare di iniziare a condividerla, spronata da famiglia ed amici.

‘’ Istantanee ‘’ nasce proprio da tutto questo e dall’entusiasmo trasmessomi.
Attualmente sono iscritta alla scuola di Scultura presso la struttura ‘’ La porta blu ‘’, allieva di Alberto Durante, spinta da un forte interesse per la materia.
— Silvia Struglia